Modello 730 anno 2019, le detrazioni fiscali per la casa

In attesa che la pubblicazione del modello 730 precompilato 2019 dia ufficialmente inizio alla campagna per la dichiarazione dei redditi, è già disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate la bozza del 730/2019 con relative istruzioni. Il modello 730 dell’anno 2019 presenta importanti novità e gradite conferme che riguardano le detrazioni fiscali per la casa.

Dalle detrazioni per le ristrutturazioni, all’ecobonus, fino agli aiuti per l’affitto di alloggi di studenti fuori sede, vediamo quali sono le più principali detrazioni fiscali per la casa del 730 per l’anno 2019.

Detrazioni ristrutturazioni modello 730

Ormai stabile da anni, torna nel 730 la detrazione per le ristrutturazioni. E’ valida per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019 per una detrazione massima del 50% e un tetto di spesa massimo di 96mila euro, ripartito in 10 quote annuali. 

Detrazioni mobili ed elettrodomestici

Torna anche la detrazioni per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe A + (A per i forni) destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione (solo se l’intervento è stato avviato a partire dal 1º gennaio 2018). Lo sconto fiscale è diviso in 10 quote annuali per una spesa complessiva non superiore a 10mila euro. Il pagamento deve avvenire tramite bonifico bancario o con carta di credito o debito. Ammesso il pagamento a rato con le opportune ricevute, mentre esclusi i pagamenti in contante o gli assegni bancari.

Bonus mobili giovani coppie 730

Sebbene il bonus giovani coppie non sia stato prorogato, continua ad applicarsi per i casi pendenti, ovvero per quelle pratiche aperte quando l’agevolazione era in vigore. A chi possiede i requisiti è infatti riconosciuto uno sconto del 50% delle spese sostenute nel 2016 per l’acquisto di mobili nuovi (esclusi gli elettrodomestici). Il bonus non è cumulabile con il bonus “arredo immobili ristrutturati”.

Possono usufruire del bonus le coppie coniugate nell’anno 2016 o conviventi da almeno tre anni con almeno un componente della coppia minore di 35 anni al 31 dicembre 2016. Le spese devono essere state sostenute per l’acquisto di mobili destinati ad arredare l’abitazione principale nel 2015 o 2016 per una spesa massima di 16mila euro.

Immobile ristrutturato detrazione 25%

E’ prevista una detrazione Irpef (il 25% del prezzo comprensivo di Iva) per l’acquisto di fabbricati ad uso abitativo ristrutturati. Lo sconto spetta nel caso di interventi di restauro e risanemento conservativo e di ristrutturazione edilizia di interi stabili realizzati da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiiare e da cooperative edilizie con la vendita o l’assegnazione dell’immobile entro 18 mesi dalla fine dei lavorori.

Modello 730/2019, le detrazioni per l’ecobonus

Si potranno detrarre dal modello 730/2019 anche le spese sostenute per gli interventi di risparmio energetico degli edifici esistenti. La percentuale di detrazioni è:

  • 50% per interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensivi di infissi, schermature solari, caldaie a biomassa, caldaie a condensazione.
  • 65% per opere di coibentazione dell’involucro opaco, pompe di calore, sistemi di building automation, collettori solari per produzioni di acqua calda, scaldacqua a pompa di calore, generatori ibridi, microgenatori. 
  • 70 e 75% per parti comuni di edifici condominiali.

Detrazioni sismabonus 2019

Come chiarisce l’Agenzia delle Entrate per il periodo compreso tra ail 1º gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021 è previsto una detrazione di imposta del 50 per cento, fruibile in cinque rate annuali di pari importo per le spese sostenute per adottare misure antisismiche su edifici che si trovano nelle zone sismiche al alta pericolosità (zone 1, 2 e 3). Le detrazioni passano al 70% e all’80% se gli interventi permettono di ridurre una classe di rischio o due (75% e 85% nel caso di parti comuni di edifici condominiali).

Bonus verde detrazioni 36 nel 730/2019

Novità assoluta nel modello 730/2019 il cosiddetto bonus verde, ovvero la detrazione irpef del 36% per le spese sostenute nel 2018 per la sisemazione a verde di aree scoperte private di condomini, per gli impianti di irrigazione o la realizzazione di pozzi e coperture a verde e giardini pensili.

Il tetto massimo di spese sono 5mila euro per unità immobiliare per una detrazione massima di 1800 euro divisi in dieci quote annuali uguali.

Detrazione polizze catastrofali

Debutto assoluto anche per le detrazioni per le “polizze catastrofali”, ovvero le polizze assicurative aventi ad oggetto il rischio di eventi calamitosi stipulare relativamente a unità immobiliari ad uso abitativo. La detrazioni irpef è del 19%.

730 anno 2019, affitto studenti universitari

Come spiega l’Agenzia delle Entrate, nel modello 730 sarà possibile la detrazione anche per le spese sostenute dagli studenti universitari iscritti a un corso di laurea di un’università situata in un Comune diverso da quello di residenza per canoni di locazione derivanti da contratti stipulati o rinnovati in base alla legge che disciplina le locazioni di immobili ad uso abitativo o per canoni relativi ai contratti di ospitalità, nonché agli atti di assegnazione in godimento o locazione, stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fini di lucro e cooperative.

Per fruire della detrazione l’università deve essere ubicata in un Comune distante almeno 100 chilometri dal Comune di residenza dello studente e comunque in una Provincia diversa oppure nel territorio di uno Stato membro dell’Unione europea o in uno degli Stati aderenti all’Accordo sullo spazio economico europeo con i quali sia possibile lo scambio di informazioni. Per gli anni d’imposta 2017 e 2018 il requisito della distanza si intende rispettato anche all’interno della stessa provincia ed è ridotto a 50 chilometri per gli studenti residenti in zone montane o disagiate. La detrazione spetta anche se le spese sono state sostenute per i familiari fiscalmente a carico. L’importo da indicare nel rigo non può essere superiore a 2.633 euro.

Detrazione acquisto immobili da locare

Anche in questo caso, sebbene la detrazione per l’acquisto di immobili non sia stata rinnovata, lo sconto vale per le pratiche ancora aperte. In particolare è riconosciuta una deduzione del 20% a chi acquista o costruisce immobili abitativi da destinare alla locazione entro sei mesi dall’acquisto e per almeno otto anni. L’agevolazione riguarda: 

  • l’acquisto, dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2017, di unità immobiliari a destinazione residenziale di nuova costruzione, invendute al 12 novembre 2014;
  •  l’acquisto, dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2017, di unità immobiliari a destinazione residenziale oggetto di interventi di ristrutturazione edilizia, o di restauro e di risanamento conservativo;
  • la costruzione, ultimata entro il 31 dicembre 2017, di unità immobiliari a destinazione residenziale su aree edificabili già possedute dal contribuente prima dell’inizio dei lavori o sulle quali sono già riconosciuti diritti edificatori, per cui prima del 12 novembre 2014 sia stato rilasciato il titolo abilitativo edilizio, comunque denominato

One Comment

  1. I am extremely inspired with your writing talents and
    also with the structure to your weblog. Is this a paid topic or did you customize
    it your self? Either way keep up the nice high quality writing, it
    is rare to see a great blog like this one these days..

Comments are closed.